#Orientamento

-->Prima alle medie... <--dopo le medie?! Questo è il dilemma! Sezione dedicata all'orientamento in entrata e in uscita

OPEN DAY

A. FRANK

L'albero dei "pensieri" L'albero dei "pensieri"

Sabato 12 gennaio 2019, dalle ore 15:30 alle ore18:30, presso l’istituto "Anna Frank", si è tenuto l’Open Day di presentazione agli alunni dell’ultimo anno delle scuole primarie

di tutta Piacenza e provincia. Ancor più degli altri anni, l’iniziativa è stata ricca di attività ricreative riguardo alle specifiche materie, grazie ai docenti presenti, con una moltitudine di presentazioni di lavori dei ragazzi delle medie, in particolar modo quelli frequentanti la classe terza. Le attività hanno riguardato laboratori ricreativi, o - nel caso dei laboratori linguistici -  a fine introduttivo e informativo.

I bambini della primaria si sono cimentati in alcuni laboratori, come quello teatrale, e in varie attività, dal suonare uno strumento musicale assieme alle prof di musica, a sperimentare e a giocare con i colori con i prof di arte, a osservare le tavole di disegno tecnico e a giocare con i numeri assieme alle prof di tecnologia e matematica. Hanno inoltre imparato, sempre attraverso schede o canzoni, alcuni termini di “nuove” lingue straniere come il Francese, il Tedesco e lo Spagnolo, grazie alle prof di lingue.
L’Open Day non è stata solo un’occasione per i bambini di avvicinarsi al mondo delle nuove materie della scuola media in modo leggero ma diretto e preciso, ma anche un’opportunità offerta ai genitori per conoscere e informarsi più approfonditamente sull’istituto "Anna Frank", grazie ai docenti stessi e ai ragazzi come me, che hanno contribuito a fare da "Cicerone", accompagnando i numerosi visitatori nei vari ambienti della scuola e presentando i diversi progetti in esposizione.
                                                                                 

Nicolò Clementi, III L

 

 

 

Prof e alunni "in azione" Prof e alunni "in azione"

Mate & Tecno live

 

Il laboratorio di "mate & tecno live" è stato molto apprezzato dagli alunni delle scuole primarie. Attraverso giochi matematici divertenti e simpatici, come "Il gioco dell'oca matematico" (ideato da noi con tanto di tabellone, pedine e domande) e "Bicchieri sprint" (basato sulla velocitá) e infine  uno spazio interamente dedicato a una materia a loro sconosciuta: la tecnologia, hanno intuito cosa si ritroveranno nell'orario scolastico del prossimo anno!

 Elisa Battini, III L

V. FAUSTINI

   E:\biblio-lab\628a73d2-e4db-46c6-ad5b-17f5099bcbe2.jpg 

Il 15 Dicembre 2018, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, presso la scuola "V. Faustini", si è tenuto l’Open Day, rivolto a tutti gli alunni delle classi primarie piacentine. I professori, assieme a noi alunni, abbiamo mostrato ai bambini delle elementari le aule della scuola e le attività che si fanno durante alcune lezioni, per cercare di aiutarli a scegliere la Scuola Media in cui iscriversi. 

Abbiamo presentato, con la prof di matematica- scienze, tre esperimenti scientifici per introdurre i bambini verso alcuni argomenti che abbiamo studiato, cioè le reazioni chimiche, il pH e la combustione. Tutti erano stupiti e affascinati!
Con le prof di lingue abbiamo fatto un gioco in tedesco e in francese per imparare a chiedere “Come ti chiami?” e a rispondere a questa domanda. I bambini, un pò spaesati ma molto curiosi, non son riusciti, in verità, a pronunciare le parole.
Nell'aula di biblio-laboratorio (un’aula dotata di biblioteca, isole e strumenti scientifici), con la prof di lettere, abbiamo organizzato giochi di parole come pseudonimi, ottenuti mescolando le lettere del proprio nome, e acrostici:

 

 

E:\biblio-lab\ca9a0395-23a4-4403-b08d-ba958199e444.jpg

 

Notizie
Emozionanti,
Wow e
Sincere

I ragazzi delle elementari hanno scritto giochi di parole molto particolari, stupendoci!
In conclusione al breve viaggio ci siamo esibiti nelle canzoni che abbiamo studiato con le pianole o con i flauti, grazie alla prof di musica. I bambini ci hanno ascoltato con molta attenzione.
E’ stata una bella mattinata perché è stato, anche per noi, interessante e soddisfacente aiutare i bambini ad esplorare la scuola.

 

Alice Carini e Marta Gavello, II A

 

G. NICOLINI

Presso la scuola media "G. Nicolini", il 19 gennaio 2019, si è svolto l'Open Day, organizzato dai professori e dagli studenti e indirizzata a futuri studenti delle medie. Ancor prima di entare, già si udiva musica proveniente dall'atrio della nostro plesso. Difatti a destra c'erano, altre ai ragazzi che suonavano, altri alunni vicino al banchetto di benvenuto pronti a presentare ogni attività. Procedendo in altre aule del piano inferiore, tutti gli "ospiti" hanno potuto apprezzare saggi e brevi spettacoli. Salendo ai piani superiori, si poteva partecipare ai laboratori e alla presentazione degli strumenti. Per l'occasione sono stati eseguiti pezzi in solo, duo o in gruppo (famosi i Five Souls)! Come ogni anno, non sono mancati, oltre a nuovi brani musicali di alunni del conservatorio, disegni e scritti degli alunni delle classi prime, seconde e terze per dare un tocco diverso e unico al "Nicolini". E come sempre, giorno memorabile!

Matteo Greco, III B

Latino? Più facile a farsi che a dirsi!

 

Il Latino, come certamente già saprete, è una delle materie di studio più importanti per coloro i quali decidessero - come nel mio caso – d’intraprendere il percorso liceale. Può dare diverse prime impressioni, ma nell’immaginario generale dei ragazzi, è considerato “lingua morta e difficile”.

Il corso di Latino, con la docente Maria Allegretti, laureata in pedagogia, si tiene ogni mercoledì dalle 14:30 alle 16:30, nella attuale classe II G. I partecipanti al corso sono tutti decisi a frequentare un Liceo: chi il "Colombini", chi il "Respighi", e chi, come me, il "Gioia". Questo corso ci permetterà di arrivare alle superiori con il pieno controllo delle basi della lingua latina, ossia attraverso la conoscenza delle coniugazioni dei verbi, e di almeno tre delle cinque declinazioni.

La prof Allegretti ha strutturato le sue lezioni in modo leggero ma preciso, affinché tutti possano capire l’incipit di ogni lezione, e portarsi a casa ogni volta "qualcosa" in più. Il corso di Latino è una, a mio parere, immensa occasione per partire agguerriti verso questa nuova materia che spesso incute timore a noi ragazzi. Permette a tutti gli iscritti di rendere i futuri primi mesi di scuola secondaria scorrevoli e previene lunghi periodi sui libri o sul dizionario a studiare e a memorizzare. C’è chi, infine, come la stessa prof racconta, decide di immergersi in questa lingua per pura curiosità. Queste 22 ore distribuite in 11 incontri permetteranno a tutti i liceali di levarsi un grande peso dalle spalle, e questo è garantito.

                                                                                  

Nicolò Clementi, III L

 

 
 
 

Dove vado alle Superiori?

 

La scelta delle scuole superiori è una scelta molto difficile che richiede una riflessione sul proprio futuro. Non molti sanno di preciso cosa vogliono fare: è per questo che l’istituto "Anna Frank" ha promosso lo stage alle scuole superiori. Durante questa giornata, il 9 gennaio 2019, i ragazzi hanno visitato le scuole superiori a cui pensano di iscriversi.

In questo articolo mi soffermerò sull’ ISII "Marconi", più conosciuto come ITIS. Il vicepreside ha deciso di non portarci nelle classi a vedere come veniva svolta una lezione, bensì nei vari laboratori. Approvo questa scelta perché, in una scuola con molti indirizzi, è bene conoscere tutti gli aspetti di ogni indirizzo per poi scegliere quello giusto.

Il primo laboratorio che abbiamo visitato è stato quello di informatica dove il professor "X" ci ha dato un’indicazione generale della scuola e poi ci ha parlato della sua materia. Ci ha spiegato che il biennio è uguale per tutti e al triennio si sceglie quale indirizzo fare. Il secondo laboratorio, quello di elettronica, il professore "Y" ci ha detto che, dal prossimo anno, ci sarà anche il laboratorio di automazione; il terzo laboratorio è stato quello di chimica mentre l’ultimo, ma non meno importante, quello di meccanica. In quello di chimica, in particolare, abbiamo provato alcuni esperimenti. Uno di questi riguarda il cambiamento di colore della fiamma se avvicinata da un metallo piuttosto che un altro; nel laboratorio di meccanica ci hanno mostrato una macchinario adatto a misurare la durezza dei materiali. Tutto strano, ma super interessante"

 

Battini Elisa, III L

 

 

LICEO SCIENTIFICO "L. RESPIGHI"

 

 

Il giorno 9 Gennaio le classi terze hanno trascorso una giornata

alle scuole superiori di Piacenza per conoscere meglio la scuola

che frequenteranno o che hanno intenzione di frequentare. Con i

miei compagni, mi sono recato al Liceo Respighi. Per chi non lo

sapesse, questa scuola è distribuita su due edifici: la sede centrale

si trova in Piazzale Genova, l’altra invece in via Nasolini. Noi

siamo andati nella seconda dove ci hanno accolto e accompagnati

in una sala nei sotterranei e siamo stati divisi in diversi gruppi.

Accompagnati dagli studenti del Liceo, abbiamo visitato un

laboratorio di fisica dove ci hanno proposto un piccolo

esperimento: bisognava capire quanti Smarties (i cioccolatini) ci

fossero all’ interno del barattolo e ci hanno messo a disposizione

un barattolo vuoto, alcuni cioccolatini e gli strumenti della stanza.

Per arrivare al risultato ci hanno spiegato diversi modi come

quello di pesare il barattolo, lo Smarties e dividere il peso del

contenitore per quello del cioccolatino. Una volta finito

l’esperimento ci siamo mangiati tutti i cioccolatini.

Alla seconda ora ci hanno portato nelle classi dove abbiamo

assistito a una vera e propria lezione liceale nella quale alcuni

studenti dovevano esporre una ricerca che parlava dei Greci.

Dopo aver iniziato un cruciverba al suono della campanella dell’

intervallo, ci siamo precipitati al banchetto di gustosi cibi che ci

avevano preparato. Alla penultima ora ci hanno presentato la

sede centrale del Respighi, facendoci vedere la palestra, la sale

esperimenti, l’aula tecnologica e la sala fitness, dove è in

 programma per il prossimo anno un laboratorio seguito dai

professori di ginnastica. Infine ci hanno riaccompagnato in via

Nasolini dove un‘insegnante ci ha presentato i vari indirizzi :

scienze applicate, tradizionale, linguistico, sportivo e ,se ci sono

un numero minimo di iscritti, anche il musicale (si tratta di un

indirizzo in collaborazione con il conservatorio Nicolini, rivolto a

chi volesse proseguire con lo studio della musica). La giornata si è

conclusa così e devo dire che la scuola mi è piaciuta molto, a tal

punto che ho deciso di iscrivermi.

Questa esperienza è servita a chiarire le idee, solo a me, ma a tutti i partecipanti.

 

Matteo Greco, III B

 

 

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "G. D. ROMAGNOSI"

 

 

Il 9 gennaio noi classsi terze abbiamo fatto lo stage, ci siamo recati alle

scuole superiori scelte per assistere alle lezioni.

Io ed altri miei compagni ci siamo incontrati alle nove

davanti al portone del Romagnosi.

Alla prima ora abbiamo visto com'è dentro...

ci sono tante aule d'informatica dove gli studenti

possono fare esercizi al computer,

una biblioteca dove si possoo leggete libri o  fare ricerche.

La palestra è abbastanza ampia e c'è anche un'aula magna e un bar.

Alle ultime due ore sono0 arrivati i prof. alla prima ora abbiamo fatto

una lezione di  economia aziendale parlando di carte bancarie,

carte di credito, assegni....nell'ultima ora è arrivato il prof.

di geografia e abbiamo vitsto alcune cartine.

Alla fine lo stage si è rivelato veramente utile.

Mi ha chiarito molte idee e dubbi.

 

 

 

Bekshw Alesja, III N 

3-2-1... Lettura!

 

Quest’anno, tra le tante attività che la nostra prof di italiano ci propone, c’è quella del
"Campionato di lettura"!
Il campionato di lettura consiste in una “gara” tra classi: la biblioteca Giana Anguissola assegna alle classi
partecipanti un numero di libri, uguali per tutti, di vario genere: romanzi fantasy, rosa, fantascientifici, ecc...
Gli alunni dovranno leggere più libri possibile entro una data stabilita (26/03). Gli alunni dovranno, entro la
data stabilita, presentarsi presso la biblioteca dove si sfideranno sui libri letti. Ovviamente chi leggerà più
libri, porterà in vantaggio la propria classe perché, essendoci più persone che hanno letto uno stesso libro,
più persone potranno rispondere alla domanda.
Finita questa prima parte comincia la seconda: vengono riassegnati dei libri, viene ristabilita la data (16/04),
e verrà svolto il secondo giro di sfide.
Finiti i due turni, la classe che ha totalizzato più punti vincerà e parteciperà a una gara nazionale.
Trovo interessante questo progetto perché ti permette di scoprire nuovi generi e nuovi libri, e anche il
lettore meno accanito può interessarsi a un nuovo genere.

 

Battini Elisa III L

"Nicolini" suona le note... dell'anima


Nella nostra scuola, come avrete già capito, siamo concentrati principalmente sulla
musica e dedichiamo ore di studio con gli strumenti: strumenti di ogni genere,
suono e colore, da uno strumento a fiato a uno con delle corde come per esempio
sassofono, oboe, clarinetto, fagotto, tromba, trombone, flauto traverso, percussioni
(non solo la batteria), pianoforte, clavicembalo, viola, violino, violoncello, chitarra e
tanti altri strumenti. Come avrete già capito dal titolo, siamo qui perché ho l’incarico
di spiegarvi il ruolo che ha uno strumento, ma anche le regole da rispettare e come
trattarlo. Secondo il mio parere, tutti gli strumenti hanno un’anima e una storia
vissuta e da vivere; sono immortali ma anche fragili, certe volte complessi da capire
ma a loro volta semplici da analizzare. Sono un’innocente “droga”; appena cominci a
suonare non riesci più ad avere altri pensieri se non… LA MUSICA. A volte aiuta la
gente a superare momenti bui e a crearne di positivi, a fare nuove amicizie o
affrontare problemi; come ho detto prima sono un altro innocuo mondo, senza
pensieri oltre allo spartito davanti a te: l’unica preoccupazione può essere se la nota
è un diesis o no. È una salvezza; aiuta a non arrendersi mai ma allo stesso tempo a
non essere competitivo e a non arrabbiarsi se qualcosa va storto; anzi, passo dopo
passo ho capito che ciò che sto vivendo io, lo hanno già vissuto quasi tutti gli
studenti del conservatorio “G. Nicolini”.

 

Matteo Greco, III B

 

Ho intervistato due miei compagni, Filippo Zuffi e Federico Ferrari,di prima media, per scoprire ciò che hanno provato all'inizio di questo lungo viaggio che ci preparerà alle scuole superiori.

 

1.Perchè avete scelto la scuola ''Alberoni''?


F.Z.:Perchè molti miei compagni di classe si sono iscritti allo stesso istituto.
F.F.:Io pure,ma anche per i bravi professori che avrebbero insegnato nella mia sezione.


2.Come ti sei sentito la prima volta che hai varcato la soglia della tua classe?


F.Z.:Mi sono sentito molto intimorito e spaventato.
F.F:Ero molto felice di intraprendere un nuovo viaggio nonostante le mie paure.


3.Quali sono stati i tuoi timori e le tue paure all'inizio della scuola media?


F.Z.:Avevo il timore di prendere voti più bassi rispetto alle elementari e degli insegnanti molto severi.
F.F:Avevo paura che i professori fossero troppo severi,che pretendessero troppo da me e di deludere i miei genitori per i voti bassi.


4.Hai avuto difficoltà a socializzare con i nuovi compagni nei primi giorni di scuola?


F.Z.:Sì,anche se molti erano già conosciuti dai miei amici. Mi sembrava di non aver tempo per fare amicizia.
F.F.:I primi giorni di scuola stavo con i miei vecchi amici della scuola primaria per la mia vergogna.


5.Sei felice di aver fatto nuove conoscenze alla scuola media?


F.Z.:Sì,perchè ho ampliato il numero delle mie amicizie.
F.F.:Sì,perchè ho conosciuto alcuni che ora sono tra i miei migliori amici!


6.Quali sono le differenze che hai notato di più nel passaggio dalla scuola elementare alla media?


F.Z.:La perdita della divisa(sembrava una classe più ordinata),la suddivisione dei tempi ricreativi e la cosa positiva è avere più insegnanti.
F.F.:La scuola elementare durava due ore in meno e nella ricreazione era possibile uscire in cortile.

 

Edoardo Piroli,Filippo Zuffi e Federico Ferrari , IF